IFIDI
IFIDI
IFIDI
HOME PAGE CHI SIAMO COSA FACCIAMO I VALORI CONTATTI
IFIDI    
 
 
 
 
 
TUTTE LE INFORMAZIONI
CIRCOLARI AI SOCI
NOVITA' E OFFERTE
 
 
Informazioni
     
  ABI, siglato accordo "Nuove misure per il credito alle pmi"

Il 28 febbraio scorso, è stato sottoscritto un accordo tra il Ministero dell'Economia e delle Finanze, l'Abi e le Associazioni di rappresentanza delle imprese (intitolato "Nuove misure per il credito delle pmi"), che prevede una serie di interventi finanziari come sospensione di pagamenti o allungamento della durata dei mutui.

L'obiettivo dell'accordo è quello di "assicurare la disponibilità di adeguate risorse finanziarie per le imprese che pur registrando tensioni presentano comunque prospettive economiche positive". Di qui l'azione per "creare le condizioni per il superamento delle attuali situazioni di criticità ed una maggiore facilità nel traghettare le imprese verso un'auspicata inversione del ciclo economico".

Gli interventi finanziari previsti per le imprese sono di 3 tipi:

Operazioni di sospensione dei finanziamenti.
In questa campo rientrano la sospensione per 12 mesi della quota capitale delle rate di mutuo, e quella per 12 o 6 mesi della quota capitale prevista nei canoni di leasing "immobiliare" e "mobiliare".
Possono essere ammesse alla sospensione le rate dei mutui e delle operazioni di leasing finanziario in essere alla data del 28/02/2012, che non abbiano già usufruito della sospensione prevista dall'Avviso comune del 3 agosto 2009. Le rate non devono essere scadute da oltre 90 giorni.

Operazioni di allungamento dei finanziamenti.
È prevista la possibilità di allungare la durata dei mutui, quella di spostare in avanti fino a 270 giorni le scadenze del credito a breve termine per esigenze di cassa con riferimento all'anticipazione di crediti certi ed esigibili e quella di allungare per un massimo di 120 giorni le scadenze del credito agrario di conduzione.
Possono essere ammessi alla richiesta di allungamento i mutui in essere alla data del 28/02/2012, che non abbiano beneficiato di analoga facilitazione secondo quanto previsto dall'Accordo per il credito alle pmi del 16 febbraio 2011. Possono essere ammessi all'allungamento anche i mutui sospesi al termine del periodo di sospensione.

Operazioni per promuovere la ripresa e lo sviluppo delle attività.
Sono connesse ad aumenti dei mezzi propri realizzati dall'impresa. Anche alla luce delle agevolazioni fiscali previste dal decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 per le imprese che avviano processi di rafforzamento patrimoniale le banche si impegnano a concedere un finanziamento proporzionale all'aumento dei mezzi propri realizzati dall'impresa.

Le imprese che possono beneficiare delle misure previste nell'accordo sono le piccole e medie operanti in Italia di tutti i settori, definite dalla normativa comunitaria; vale a dire imprese con meno di 250 dipendenti e con fatturato minore di 50 mln di euro, oppure con totale attivo di bilancio fino a 43 mln di euro.
Al momento della presentazione della domanda devono essere "in bonis", ossia non devono avere nei confronti dalla banca "sofferenze", "partite incagliate", "esposizioni ristrutturate" o "esposizioni scadute/sconfinanti" da oltre 90 giorni.

Le banche si impegnano a fornire una risposta di norma entro 30 giorni. Nel caso l'impresa non abbia ritardati pagamenti, le domande per sospensione della rate di mutui, dei canoni di leasing e di allungamento a 270 giorni delle scadenze del credito a breve per sostenere le esigenze di cassa si intendono ammesse dalla banca, salvo esplicito rifiuto.
Le banche che decidono di aderire all'accordo lo comunicano all'ABI, impegnandosi a renderlo operativo entro 30 giorni.

Termine di presentazione delle domande
Le richieste dovranno essere presentate dalle imprese entro il 31 dicembre 2012. Le domande di allungamento dei mutui che a questa data dovessero essere ancora in sospensione potranno essere presentate entro il 30 giugno 2013.

Nuove misure per il credito alle pmi

 
 
 
FONDO ROTATIVO UNIONCAMERE LOMBARDIA


SbloccaCrediti
Smobilizzo crediti vantati da piccole e micro imprese lombarde verso i Comuni lombardi

Beneficiari
Piccole e micro imprese lombarde che vantano crediti, d'importo massimo EUR 50.000 oltre IVA, già scaduti, nei confronti dei Comuni lombardi che non sono in condizioni di onorare gli impegni contrattuali per i vincoli del patto di Stabilità.

Programmi finanziabili
Il finanziamento sarà destinato a sostenere il fabbisogno finanziario dell'impresa in attesa dell'incasso dei crediti dovuti dai Comuni.

Banca tesoriera
Unicredit gestisce le richieste e l'operatività della cessione dei crediti e paga agli imprenditori l'intero importo delle fatture scadute, utilizzando le disponibilità del Fondo.

Agevolazione
Accesso al Fondo Unioncamere a tasso e costi zero per l'erogazione di finanziamento della durata di 12 mesi, con unica rata alla scadenza.

Vincoli ed obblighi a carico del beneficiario
Rilascio della certificazione del credito da parte del Comune debitore, con indicazione della data di pagamento su c/c di gestione.

FINANZIAMENTO
Importo: min EUR 7.000,00 - max EUR 60.500,00 IVA compresa
Durata: 12 mesi. Ferma l'estinzione anticipata in caso di pagamento da parte del Comune
Modalità di erogazione: Unica soluzione
Tasso: Zero
Ammortamento: Rata unica alla scadenza
Scadenza rata: Rata unica alla scadenza dei 12 mesi
Commissioni / Spese: Zero
Forma Tecnica: Chirografario
Garanzie: Mandato irrevocabile all'incasso del credito

Per approfondimenti contattare la filiale ifidi di riferimento


Certificazione Ente
Domanda di accesso al fondo
FAQ

LINK SITO UNIONCAMERE LOMBARDIA

 
 
 
INAIL 2012 - Contributo a FONDO PERDUTO


BANDO A SPORTELLO
CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO nella misura del 50% dei costi ritenuti ammissibili con contributo minimo di EUR. 5.000,00 e massimo di EUR. 100.000,00.

INAIL ha stanziato fondi per sostenere le Imprese che intendono realizzare interventi per migliorare la salute e la sicurezza dei luoghi di lavoro. Per la Regione Lombardia i fondi disponibili ammontano ad EUR. 35.839.347,00.DESTINATARI: tutte le imprese iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura.

PROGETTI AMMISSIBILI:
  1. Progetti d'investimento volti alla ristrutturazione o modica strutturale e/o impiantistica degli ambienti di lavoro; installazione di macchine, dispositivi, attrezzature; modiche del layout produttivo; interventi per la riduzione/eliminazione di fattori di rischio quali esposizione ad agenti biologici, chimici, cancerogeni, mutanti sostanze pericolose, agenti sici quali rumore e vibrazioni, radiazioni; movimentazione manuale dei carichi e movimenti ripetuti ecc..
  2. Progetti per l'adozione di modelli SGQ: adozione ed eventuale certicazione di un Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGSL, modello organizzativo e gestionale ex D.lgs 231/01, o sistema certicato SA8000).

NON SONO AMMESSE A CONTRIBUTO LE SPESE RELATIVE A:
  • acquisto o sostituzione di dispositivi di protezione individuale o qualsiasi attrezzatura destinata al lavoratore per proteggerlo contro i rischi durante il lavoro, nonché ogni altro complemento o accessorio destinato a tale scopo;
  • automezzi e mezzi di trasporto su strada, aeromobili, imbarcazioni e simili;
  • impianti per l'abbattimento di emissioni o rilasci nocivi all'esterno degli ambienti di lavoro, o comunque qualsiasi altra spesa mirata esclusivamente alla salvaguardia dell'ambiente;
  • hardware, software e sistemi di protezione informatica;
  • mobili e arredi;
  • interventi da effettuarsi in locali diversi da quelli nei quali è esercitata l'attività lavorativa al momento della presentazione della domanda;
  • acquisto di macchinari indispensabili per l'erogazione di un servizio o per la produzione di un bene, di cui l'impresa non dispone ma che deve possedere per poter svolgere la propria attività;

NON SONO, INOLTRE, AMMESSE A CONTRIBUTO LE SPESE RELATIVE A:
progetti già realizzati o in corso di realizzazione, manutenzione ordinaria degli ambienti di lavoro, di attrezzature, macchine e mezzi d'opera, acquisizione per mezzo di locazione finanziaria; mero smaltimento dell'amianto.

Condizione per la presentazione della domanda è, oltre al possesso dei requisiti di ammissibilità, il raggiungimento di un punteggio soglia. Sino alle ore 18:00 del giorno 07 marzo 2012, è disponibile la procedura informatica (www.inail.it PUNTO CLIENTE) che consentirà di effettuare simulazioni relative al progetto, vericare il raggiungimento del "punteggio soglia" e salvare la domanda per eventuali successive variazioni. Successivamente a tale data, l'Inail comunicherà data ed ora di apertura e di chiusura dello sportello per la presentazione telematica.

La parte dell'investimento, non coperta dal contributo INAIL, potrà essere finanziata, con nostra Garanzia, tramite le Banche convenzionate.

IN OGNI CASO...CONTATTACI ! NON E' MAI TEMPO PERSO !


Testo del bando
Scheda Progetto

 
 
  Al via l'iniziativa Finlombarda-Bei "CREDITO ADESSO"

Al via l'iniziativa Finlombarda-Bei denominata
"CREDITO ADESSO"

500 milioni di euro in co-finanziamento con il sistema bancario
per sostenere la crescita della tua impresa

Se sei una MICRO, PICCOLA E MEDIA IMPRESA LOMBARDA appartenente ai settori MANIFATTURIERO, DEI SERVIZI ALLE IMPRESE, DEL COMMERCIO ALL'INGROSSO O DELLE COSTRUZIONI e intendi investire per la tua crescita commerciale, "CREDITO ADESSO" (l'iniziativa Finlombarda-BEI) ti dà una mano.

NUOVA LIQUIDITÀ ALLA TUA IMPRESA
I finanziamenti sono concessi a fronte di uno o più ordini/contratti di fornitura di almeno 100 mila euro (al netto di IVA).

NESSUNA GARANZIA DI NATURA REALE
"CREDITO ADESSO" prevede la concessione di finanziamenti chirografari di importo compreso tra 50 e 500 mila euro, che coprono al massimo il 50% del tuo investimento.

FINANZIAMENTI SEMPLICI...
I finanziamenti hanno una durata di 24 o 36 mesi, da restituire con rate semestrali costanti a scadenza fissa (30 aprile e 31 ottobre di ogni anno), senza periodo di preammortamento (a eccezione di quello tecnico necessario a raggiungere la prima scadenza fissa utile).

...E MENO COSTOSI
... grazie al contributo in conto interessi di Regione Lombardia nella misura dell1%. Le Banche convenzionate e Finlombarda non richiederanno alle PMI alcuna commissione e/o spesa di Istruttoria in relazione al Finanziamento (salvo quanto previsto nel caso di ricorso al Fondo Centrale di Garanzia).

PIU' SEMPLICE...
Puoi presentare gli ordini di fornitura senza necessità di rendicontare la spesa e fare domanda di partecipazione online a partire dalle ore 10.00 del 9 gennaio 2012 collegandoti ai siti www.regione.lombardia.it, sezione "Tutti i Servizi" - "Finanziamenti on line" oppure https://gefo.servizirl.it/ (cliccando prima su Registrazione utente per ottenere login e password).

...O ANCORA PIU' SEMPLICE
i nostri uffici e funzionari, sono a tua completa disposizione per aiutarti nella compilazione delle domande e...
Se pensi di non poter accedere a questa agevolazione, ti ricordiamo che i prodotti bancari da noi garantiti, ti possono aiutare a risolvere qualche problema.

IN OGNI CASO...CONTATTACI ! NON E' MAI TEMPO PERSO !


Testo del bando
Elenco banche convenzionate

 
 
  Controgaranzia F.E.I. 2007-2013

L'Unione Europea garantisce prestiti per le piccole e medie imprese (PMI).

Grazie alla partecipazione al Programma Quadro per la competitività e l'innovazione 2007-2013 (PQCI), i fidi può rilasciare garanzie sino al 80% assistite da controgaranzia, emessa nell'ambito del Programma Quadro per la competitività e l'innovazione della Comunità Europea, per agevolare l'accesso al credito delle PMI con l'obiettivo di favorirne lo sviluppo, la crescita e l'innovazione.

Per maggiori informazioni sul Programma Quadro per la competitività e l'innovazione 2007-2013 (PQCI) a sostegno delle PMI puoi consultare il sito al seguente indirizzo http://ec.europa.eu/cip/index_it.htm

Scheda prodotto

 
 
 
 
 
         
IFIDI Bergamo
Sede Operativa
Via S. Antonino, 3
24122 Bergamo
Tel. +39.035.232317
Email: infobergamo@ifidi.it
  IFIDI Milano
Sede Legale / Operativa
Via Giacosa, 3
20127 Milano
Tel. +39.02.28340163
Email: infomilano@ifidi.it
  IFIDI Varese
Sede Amministrativa / Operativa
Via Bonini, 1
21100 Varese
Tel. +39.0332.232322
Email: infovarese@ifidi.it
         
 
  • AREA RISERVATA

    USERNAME
    PASSWORD
  • WEB MAIL

    LOGIN
    PASSWORD
  • ENOVA

    LOGIN
    PASSWORD